pleilist

[post inutile più degli altri]

Caravan – In the Land of Gray and Pink (1971): 9
Golf Girl e la title track sono le più belle canzoni pop ascoltate quest’anno. Il disco scorre via leggero, è piacevole e ci sono delle trovate che adoro (tipo la corrispondenza tra una strofa tipo “we talk in morse” e il suono del telegrafo) . Altro momento altissimo è il piano nella quarta traccia. Non so se è il manifesto del Canterbury (dicono di sì, ma sticazzi?), ma so che è un album sublime.
Non ho ascoltato altro questa settimana, eccetto…

Robert Wyatt – Comicopera (2007): 6,5
Secondo me, è un bel disco. Sarà pure una raccolta di b-sides, ma pochi possono vantare b-sides tanto belle.

Cartoon – Bigorna – The Real History of King Arthur & the Knights of the round table (2003): 6
Sono brasiliengi, li ho scoperti grazie a prog not frog, ma, più che ad un gruppo prog, somigliano ai queen dei primi 2 dischi. Pacchiani (un po’ meno di Mercury e co.) hardrockiani, di prog c’è giusto l’idea di concept storico/fantasy e qualche dilungamento strumentale di ricercata complessità (la ricercano, ma non è detto la trovino ). No, dai, è carino, si può ascoltare, non più di una volta, però, perché poi appalla.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...