Mafia II non esiste

Un appartamento, arredamento stile anni 50, il telefono squilla. Posso non rispondere, lasciarlo suonare, accendere la luce, cambiare stazione radio, aprire una finestra… già, aprire una finestra, un’azione tanto naturale quanto mal riprodotta dal brillantinato Vito. Il braccio si distende, il movimento sembra volto a spingere lontano da sé qualcosa. Il corpo è un ectoplasma, anzi, è un tragico ammasso di poligoni che trapassa il vetro, mentre questo scorre verso l’altro, come sollevato da una forza invisibile. La sospensione di incredulità va a farsi benedire. Si va in bagno, si può tirare lo sciacquone con la forza del pensiero, aprire il rubinetto col solo sguardo torvo del siculo protagonista, mentre lo schermo si taglia in due metà ogni volta che la visuale si sposta rapidamente da un angolo ad un altro. Desync vomitevole. Tutto è così grezzo, seghettato, ci si può tagliare il legno su quelle linee scalettate, oltre al fatto che è tutto così finto, l’illuminazione, le texture, ritagli di giornale appiccicati in uno stanzone che dovrebbe essere il nostro quartier generale.

Si risponde al telefono. Ottenuta la missione, si può finalmente uscire. La demo ci dà una manciata di minuti per aprire il garage e scegliere tra le 3 o 4 auto parcheggiatevi, ma nulla ci vieta di prenderne una con la forza. Beh, eccetto la polizia, ovvio. La strada è così innaturale, dove il prequel sbalordiva per la cura del minimo dettaglio, l’atmosfera che si respirava nei diversi quartieri, questo delude e per quantità, e per qualità: poca gente e per nulla “viva”. Sì, lo scheletro del primo Mafia c’è: le forze dell’ordine sono sul chi vive, se ti scoprono con un’arma, ti si pianteranno alle costole e difficilmente abbandoneranno l’inseguimento, non rispettare limiti o semafori ti darà noie con i tutori della legge, ma la guida è falsa e regala poche emozioni nelle fughe. Promuovo solo le gomme fumanti dopo una ‘O’ disegnata sull’asfalto: bell’effetto particellare.

La missione dimostrativa di per sé è salvabile: si spara come in GTAIV, medesimi i controlli, medesime le coperture – beh, forse più efficaci. Ottima anche la riduzione dei checkpoint all’osso, pessima la gestione dei danni agli oggetti, anche se certe sbriciolature scriptate (è il programmatore a scegliere quale superficie può andare in frantumi, come in killzone 2) sono più che soddisfacenti. I rimbrotti con accento siciliano sono divertenti e i compagni forniscono un vero supporto nella missione, non come alcuni pupazzoni inutili, anzi, spesso fastidiosi di altri giochi.

D’altronde, l’LPf aveva parlato, di ritorno da una conferenza/sagra del culatello: “Mafia è bellino”. Mafia II non merita il nome che porta. Il predecessore fu un mostro anche di tecnica, questa è solo l’ultima delle porcatone che mi sono capitate sott’occhio nell’attuale gen (ultima in ordine cronologico, perché non ho dubbi sul fatto che ne arriveranno altre). Il gameplay è il medesimo di 10 anni fa, con l’aggiunta di azioni pleonastiche (coca cola, snack, cesso, finestra, voglio giocare a un action sandbox, non a The Sims) e in più realizzate male, ma veramente male. Un così brutto tiro da parte dei 2kCzech non me lo sarei mai aspettato. Risultato: prenotazione della collector spostata su un altro titolo, acquisto dell’accrocchio da gioco definitivo, di cui non parlerò finché non giungerà alla mia porta, per scaramanzia.

Voto: zero, tendente ad un zero-più, ma solo per l’affezione verso il paparino e l’inevitabile nostalgia suscitatami da questo indegno erede.

Cestone o usato.

10 pensieri su “Mafia II non esiste

  1. Vorra dire che sei abituato a giochi migliori, beato te, hai letto per caso i voti delle varie riviste? l’ultima e la piu attesa, la svezia? tutti positivi, arrivi te e dici zero…ma quanto ci capisci???

  2. si si, ma tnt la figura di merda te la stai facendo, a insultare, io invece parlo tranq, xk tnt qua alla fine quello che mastica tnt merda sei te a scrivere certe cose, buffone, non ti va bene mafia, tieniti gta

  3. si si, ma tnt la figura di merda te la stai facendo, a insultare, io invece parlo tranq, xk tnt <<

    Mi basta questo per insultarti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...