Su “In D” di Arandel

È uno zibaldone di appunti. Un contenitore di gemme, matrici, disegni geometrici perfetti, superfici ruvide, albe silenziose, bonsai curati in ogni particolare. Tutto insieme. Non c’è un verso, l’album non vuole andare a parare da nessuna parte. Ogni brano è un sistema indipendente, dove i fattori si rimescolano in base a regole diverse ogni volta, e il disco è un sistema di sistemi, come una galassia. Ad ogni ascolto ci si focalizza su una linea diversa. Ricostruiamo noi stessi la tela, seguendo il percorso di ogni particolare. #8 è proprio questo: Arandel lavora al telaio, intreccia fili che formano trame, cicliche e ripetitive, insieme ad altri fili intrecciati forma un disegno più ampio. In #10 sei all’ingresso di un teatro che si riempie di gente, mentre suonano i Popol Vuh. Nella #7 a Detroit.
In D si rapporta al minimalismo e al suo vate Terry Riley come John Cale faceva con Church of Anthrax. Se tra le pieghe del lavoro di Cale potevano rintracciarsi orme di Canterbury, Kraut, melodie melanconiche e chissà cos’altro, in quello di Arandel trovi Von Oswald e Carl Craig, la cassa e la classica, i cluster di Fredo Viola, il lo-fi e i field recording. Ma lo spirito è il medesimo. Lo stile è il medesimo. Solo i tempi sono diversi.

Arandel è un compositore francese. Fine delle note biografiche. Di lui non conosceremo mai il nome, né il volto. Suona dal vivo dietro un telo bianco. Solo una sagoma ricurva su una plancia si vede in controluce. Rifugge il culto e il mercato dell’immagine. La musica è importante, non intende divulgare altro. Rifiuta il midi: “rende tutto più semplice”. Tutto ciò che si sente è “roba sua”, creata e campionata da sé, con le imperfezioni umane che impreziosiscono il suono come una tarlatura. Arandel, da Île-de-France. Sentiremo parlare parecchio di lui, in futuro. Per ora, In D è già disco dell’anno.

Licenza Creative Commons
Su In D, di Arandel by Flavio Del Prete is licensed under a Creative Commons Attribuzione – Non opere derivate 3.0 Unported License.

Un pensiero su “Su “In D” di Arandel

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...